Specialità Olivoil per la Cosmetica

Emulsionanti, Tensioattivi, Emollienti e Attivi dall' "oro Mediterraneo". L'Oliva rappresenta una delle più sane e preziose fonti vegetali in natura.

19 Maggio 2021

Cosmesi Eco-sostenibile

L’industria del Personal Care è sempre più sensibile all’utilizzo di fonti naturali con un profilo completo di sostenibilità. 

 

La filosofia della sostenibilità implica il rispetto di diversi parametri, quali la rinnovabilità delle fonti, il loro trasversale basso impatto ambientale e la possibilità di attingere le materie prime necessarie alle attività di sviluppo e produzione secondo dinamiche di “upcycling” e di “economia circolare”.
L’uso dell’olio d’oliva in cosmesi soddisfa brillantemente tutte le condizioni di cui sopra, rappresentando un’ opzione di grande rilievo per la sostenibilità, data la facilità nel suo processo di approvvigionamento a partire da derivati dell’industria alimentare, per via della sua biodegradabilità e del trascurabile impatto ambientale della sua coltivazione estensiva.
Rispetto ad altre fonti vegetali frequentemente utilizzate in campo cosmetico, come ad esempio l’ Elaeis Guineenesis (palma), il suo profilo di sostenibilità si differenzia in modo significativo, soprattutto in relazione alla totale assenza di criticità per l’eco-sistema e di rischi annessi nei confronti di specie vegetali e animali legati alla sua coltivazione estesa.

La “green chemistry” dietro il Valore Aggiunto

La composizione degli acidi grassi dell’Olio di Oliva si differenzia rispetto agli altri oli vegetali utilizzati in cosmesi in relazione all’abbondanza di acidi grassi monoinsaturi in esso contenuti, come l’Acido Oleico, il cui contenuto ammonta mediamente a una quantità totale di circa il 70%.

L’Acido Oleico è notoriamente riconosciuto come uno dei grassi più dermocompatibili in assoluto, in quanto vanta caratteristiche ben note in letteratura scientifica relativamente all’aumento di biodisponibilità degli attivi cosmetici da esso veicolati (grazie alle sue uniche proprietà di modulazione della permeabilità cutanea ), alla comprovata azione antinfiammatoria e all’ effetto sensoriale “doppia pelle” che determina un’ immediata emolliente e morbidezza post-applicativa.
L’olio d’oliva contiene anche quantità significative di acido linoleico, componente strutturale delle ceramidi cutanee, con contestuali proprietà antinfiammatorie e schiarenti.
I benefici funzionali degli acidi grassi insaturi sopra descritti rappresentano quindi le principali peculiarità dei derivati dell’oliva, benefit comprovati sia in campo cosmeceutico che nutrizionale.
Insieme alla composizione in acidi grassi, anche la frazione insaponificabile dell’oliva è ricca di molecole benefiche per la pelle, tra cui lo squalene e i fitosteroli (β-sitosterolo, campesterolo, e stigmasterolo, in forma libera o esterificata).

Olivoil: Lipo-polipetidi e lipo-zuccheri vegetali

Il concetto moderno di benessere consiste nel rispetto combinato dell’equilibrio corporeo/cutaneo e dell’ambiente, e in questa chiave di lettura, l’ampio successo degli ingredienti di origine vegetale è connesso a due aspetti fondamentali. In primo luogo, alla necessità di sviluppare formule il più possibile compatibili con la fisiologia della pelle e dei suoi annessi, senza alcun effetto negativo o potenziale allergico. In secondo luogo, alla crescente fiducia dei consumatori nelle proprietà benefiche fornite da complesse miscele di ingredienti naturali e sostenibili. 

La tecnologia “Olivoil” è ispirata dai principi sopra esposti e si basa sulla funzionalizzazione chimica di questo olio vegetale dalla composizione unica con attivi di derivazione proteico/glucidica, al fine di sviluppare emulsionanti e tensioattivi funzionali in grado di svolgere un dualistico ruolo tecnologico/funzionale nei prodotti finiti cosmetici.

Secondo le tendenze imposte dalla “chimica green” ed eco-sostenibile, questo tipo di tecnologia permette di perseguire attraverso un know-how unico, la selezione e la fusione di principi attivi naturali, traducendo i loro peculiari benefici in valore aggiunto cosmetico.

Emulsionanti:
approccio dualistico contro la secchezza cutanea

Gli emulsionanti Olivoil sono in grado di coordinare l’acqua e la fase oleosa creando sistemi a cristalli liquidi lamellari di taglia micrometrica (circa 2 µm) altamente strutturati ed omogenei.

Questa particolare tipologia di struttura rappresenta la base portante per lo sviluppo di cosmetici sensorialmente avanzati, con diversa consistenza e texture (da creme iperfluide/sprayabili fino a creme più dense contenenti pigmenti e minerali).

 

  • promuovono il reintegro lipidico della barriera cutanea, data l’elevata dermo-compatibilità dei loro grassi insaturi con lo strato corneo epidermico. L’aumentata esposizione della cute con acidi grassi insaturi determina pertanto morbidezza ed emollienza post-applicativa, oltre ad un comprovato incremento della resilienza cutanea contro fenomeni quali la disidratazione e la perdita d’acqua trans-epidermica.
  • La presenza di zuccheri, polipeptidi o aminoacidi nel sistema emulsionante, nutre la pelle con sostanze in grado di formare un film idratante, un effetto lifting cutaneo immediato (quali, ad esempio, i polipeptidi da avena, riso o grano) e sostanze che arricchiscono il Fattore Idratante Naturale della pelle, noto anche come NMF (ad esempio, singoli aminoacidi o zuccheri, quali acido glutammico/treonina/valina/glicina e fruttosio).

“Surf-Actives” o Tensioattivi Funzionali: detersione “attiva”

Test in vivo sulla TEWL (perdita di acqua trans-epidermica) dimostrano che i derivati lipo-proteici/glucidici a base di olio di oliva, anche se utilizzati a bassa concentrazione (a partire da circa 0,5 ÷ 1,0%) sono in grado di mitigare e ridurre significativamente l’azione eccessivamente delipidizzante dei solfati, garantendo un’efficace detersione cutanea e una concomitante azione di ripristino della barriera cutanea.

 

Analoghi test effettuati su sistemi senza solfati, contenenti solo tensioattivi a base di acidi grassi da olio di oliva, dimostrano una delicatezza cutanea addirittura superiore all’applicazione di acqua fisiologica.
Il razionale di questi studi suggerisce dunque l’impiego dei tensioattivi Olivoil come base ideale per lo sviluppo di prodotti detergenti mirati ad un uso frequente, ideali per pelli sensibili e con valore aggiunto oggettivato su applicazioni rivolte ad aumento dell’idratazione e alla riduzione delle irritazioni tipiche dei prodotti da risciacquo “old school”.